Il pericolo dell’immigrazione

Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, ha messo in guardia dal pericolo che l’ arrivo di milioni di immigrati africani nei prossimi anni possa portare sul territorio europeo. In un’ intervista a “Il Messagero”, Tajani avverte che l’ Europa deve porre un limite per impedire l’ arrivo di milioni di immigrati dall’ Africa. Crescita demografica, cambiamento climatico, guerra, guerra, carestia in Somalia e Sudan. Tutti questi fattori fanno sì che gli africani pensino all’ Europa per la loro nuova vita”, dice.

Quando le persone perdono la speranza, rischiano di attraversare il Sahara e il Mar Mediterraneo perché è ancora meglio che rimanere nel loro paese. L’ Europa è in pericolo. Nei prossimi anni riceveremo milioni di immigrati dall’ Africa se non faremo nulla“, dice. Ora abbiamo solo a che fare con poche migliaia di persone, ma l’ Europa deve avere una strategia per fermare milioni di persone”, insiste. “Avremo una crisi molto grave se non facciamo nulla”.

Aumentare la tensione sociale

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dichiarato:”Non dobbiamo sentirci colpevoli se decidiamo che non tutti sono i benvenuti. Dobbiamo salvare tutti, ma non accoglierli. Milioni di migranti fuggono dalla guerra e dalla povertà nei loro paesi d’ origine. Tuttavia, due nuove relazioni sottolineano i pericoli che corrono nella ricerca dell’ asilo e di una vita migliore.

In uno, l’ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ha detto che migliaia di migranti erano morti mentre cercavano di attraversare mari e deserti. In molte occasioni, i loro corpi non sono mai stati trovati e l’ identità di coloro che hanno fatto recuperare molte volte era impossibile da chiarire. Lungo una delle rotte marittime più utilizzate per raggiungere l’ Europa, un terzo dei morti era costituito da minori.

In una seconda relazione, il Fondo delle Nazioni Unite per l’ infanzia ha messo in guardia dalle crescenti minacce di abuso, sfruttamento e morte di minori non accompagnati in fuga in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *