Come uscire dal business della prostituzione mafiosa

A Okoedion era stato promesso un lavoro in Spagna. Ha conseguito una laurea in informatica, ha riparato i computer in Nigeria e ha avuto l’ opportunità di arrampicarsi nella sua carriera emigrando in Europa. Aveva 26 anni, si era appena trasferito a Benin City – una delle principali città del suo paese e tradizionale punto di origine della tratta di esseri umani – quando incontrò la donna in una chiesa evangelica che lo avrebbe fatto saltare.

Le offrì un lavoro nel business di suo fratello, riuscì a fargli considerare buoni i documenti dell’ aeroporto di Benedizione e fece atterrare la giovane donna a Valencia. Lì fu ricevuto da un altro nigeriano, nessuna notizia del suo contatto nel suo paese d’ origine, fino a tre giorni dopo ricevette una telefonata per informarlo che se volesse il lavoro promesso avrebbe dovuto recarsi in Italia. La benedizione ha preso un nuovo aereo a Milano, dove un altro l’ ha portata in macchina per portarla a Castel Volturno, nei pressi di Napoli. Era arrivata grazie ad una donna di fiducia, avevano organizzato tutto bene, quindi non aveva motivo di essere sospettosa”, dice.

E’ stata messa in una casa con altri quattro giovani del suo paese, dove è stata “coinvolta nel macchinario di questa mafia”. Chiedeva quale sarebbe stato il suo stipendio e la coppia ospitante rispondeva che aveva l’ obbligo di pagare. Euro 65 migliaia. Lo comprarono alcuni stracci in un negozio cinese e gli diedero istruzioni di base per lavorare come prostituta sulla spalla di una strada secondaria.

Letizia presenta in anteprima una Varela e la sua nuova madre, Letizia, presenta in anteprima una Varela e la sua nuova madre, Lara FernándezVarias, sono stati gli aneddoti più importanti di uno degli atti istituzionali che ha il più grande simbolismo per la regina. Sono stati solo pochi giorni che la benedizione ha sopportato questo. “Avevano tenuto i miei documenti, il mio telefono cellulare, io ero il suo schiavo. Sono rimasto paralizzato dalla paura perché non conoscevo nessuno, non parlavo la lingua, non sapevo come funzionavano le cose in questo paese”, ricorda. Che cosa ha dovuto fare, non risponde, si irrita quando le viene chiesto:”Non ho mai parlato con nessuno di esso. Non è stato facile fuggire immediatamente, temevo che fossero venuti dopo di lei. Mancava di alternative, quindi un giorno la ragazza si alzò alla stazione di polizia di Castel Volturno e cercò di dirle cosa le stava accadendo.

Avevano tenuto i miei documenti, il mio telefono cellulare, io ero il suo schiavo
All’ inizio gli fu detto di tornare il giorno dopo, che alle 9 ci sarebbe stato qualcuno che avrebbe potuto trattare il reclamo in inglese. Anche se un’ agente ha finalmente ascoltato la sua testimonianza e l’ ha accompagnata a Casa Rut, associazione cattolica che si dedica all’ accoglienza delle donne trafficate, situata nella vicina città di Caserta. Benedizione inserita con riserve, ma da allora non ha lasciato il raggruppamento. Quattro anni dopo, ora lavora qui come mediatrice culturale e ha appena pubblicato un libro in italiano intitolato El Couraje de la libertad.

In questo caso è stata assistita dalla giornalista specializzata Anna Pozzi, che da anni documenta il traffico di donne nigeriane vittime della prostituzione attraverso gli Schiavi (non più schiavi). Secondo i dati dell’ Organizzazione Mondiale per le Migrazioni, l’ anno scorso in Italia sono arrivate in Italia 11.009 donne, in forte aumento rispetto alle 5.600 del 2015 e alle 1.450 del 2014. Si stima che l’ 80 per cento di essi ricada nelle mani di collettivi criminali. La Nigeria è attualmente il primo Paese di origine (17% quest’ anno) per i migranti che arrivano in Italia.

Le reti che sfruttano queste ragazze si concentrano principalmente a Torino nel nord e a Napoli nel sud Italia”, dice Pozzi. Si possono facilmente trovare sulle strade della periferia – anche comuni in altre città come Roma o Milano – e pagare tra i 10 e i 30 euro. Benedizione dettagli anche questo nel suo libro, in cui egli racconta le istruzioni della Madame “di non rifiutare qualsiasi cliente”.

Onda della migrazione

Le donne arrivano in Europa con un debito che, secondo Pozzi,”è sceso da 60.000 a 80.000 euro negli ultimi anni a 30.000 o 35.000 euro”. Leggi di mercato, l’ ondata migratoria ha aumentato l’ offerta, in modo da ridurre i prezzi.

Molti di loro non hanno nemmeno compiuto 18 anni. Lo scorso anno il numero record di minori non accompagnati è stato fissato a 25.846 sbarcati, rispetto ai 13.131 registrati dal Ministero dell’ Interno a fine agosto.

Il caso della benedizione – concessa in licenza, con qualche soldo in tasca e un passaggio d’ aria – è un’ eccezione. E’ talmente ignoranza che in alcuni casi – dice Anna Pozzi – si parla del Mediterraneo come del fiume che devono attraversare. Quando però mettono piede sulla terraferma, chiedono rapidamente documentazione per poter rimanere nel paese, secondo le istruzioni impartite loro dai trafficanti in Africa.E’ garantita dagli assistenti sociali e confermata dai dati. I cittadini nigeriani sono i primi a guidare il numero di richiedenti asilo in Italia, solo poche centinaia evitano il processo.

L’ Italia è un Paese che favorisce questo fenomeno a causa del ritardo nella cultura del rispetto delle donne
Queste sono richieste strumentali affinché non vengano espulse”, dice Oria Gargano del collettivo BeFree, che si dedica anche ad assistere queste donne. L’ organizzazione che presiede li assiste nei centri di detenzione per migranti e ha un riparo per la loro protezione. L’ Italia ha accolto rifugiati costretti alla prostituzione dalla guerra nell’ ex Jugoslavia, e anche se prima di questa nuova crisi dall’ Africa il numero non era più elevato che in altri paesi europei, il Gargano sostiene che “l’ Italia è un paese adatto a questo fenomeno a causa del ritardo nella cultura del rispetto delle donne”.

Rapporti con la mafia

La benedizione insiste sul fatto che si è sempre occupata delle persone del suo paese. Tuttavia, nei tribunali italiani sono state aperte diverse indagini per indagare sul rapporto delle mafie nigeriane con Cosa Nostra, Camorra e Ndrangueta. I partner in ombra. Le donne responsabili del caso ultimo dello sfruttamento delle ragazze, il madame, sono anche nigeriane che sono state vittime della sottomissione sessuale. Non conoscono nessun’ altra realtà, perché la prostituzione è l’ unico modo per sopravvivere”, dice.

E’ orgogliosa di essere stata in grado di uscire, per lei ora c’ è un’ alternativa. C’ è molta ignoranza tra le ragazze “, si lamenta, ma la benedizione ha avuto l'” opportunità di fuggire, come altre ragazze dovrebbero essere in grado di fare “. Ecco perché ho scelto di denunciarlo, perché se chiudi la bocca dalla paura o dalla vergogna non c’ è fuga”, dice. Ha presentato il suo libro anche in Parlamento, è meglio gestita che bene in italiano e lavora consigliando altre donne che affrontano situazioni simili alle sue. Benedizione Okoedion benedizione ha ormai 30 anni, un grande sorriso e uno sguardo chiaro. Gli hanno offerto un lavoro in Europa e lui lo ha fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *